small-logo320
small-logo550
Create
Connect
Promote

Login per i soci

Marchio di Ospitalità Italiana

L'accordo economico tra Europa e Giappone: in sintesi

Firmato il 6 luglio, è già stato annunciato l'accordo "in linea di principio" tra l'UE e il Giappone. Ma come può influenzare la vostra attività? ICCJ ha preparato una breve sintesi dei principali cambiamenti.

Quando entrerà in vigore l'accordo?

L'accordo di partenariato economico (EPA), dovrebbe entrare in vigore solamente nei primi mesi del 2019, poiché molte delle questioni definite nell'accordo in principio devono ancora essere discusse in dettaglio nel corso del prossimo anno.

Quali sono gli effetti più importanti dell'EPA sulle esportazioni verso il Giappone?

Per il 96% dei prodotti UE importati in Giappone il commercio sarà completamente liberalizzato entro 10 o 15 anni, con gli impatti maggiori nel settore agroalimentare.

  • I vini godranno del totale azzeramento dei dazi sin dall'entrata in vigore. Attualmente i vini UE accusano un forte svantaggio nei confronti dei vini provenienti da altri Paesi - come il Cile, che recentemente è diventato leader nella fascia di prezzo a bassa e media, e ha spogliato l'Italia dal secondo posto nel volume e nel valore delle esportazioni. Si tratta di una misura da tempo necessaria per garantire la sopravvivenza a lungo termine dei vini UE, a cui attualmente è applicata una tariffa del 12,5% -15% oltre all'imposta sugli alcolici.
  • Le quote per i prodotti in pelle saranno aboliti. Attualmente, i prodotti al di là di una certa somma vengono applicati a una tariffa pesante (30%) ai costumi giapponesi. Dall'entrata in vigore, tutti i prodotti avranno una tariffa ridotta del 21%, che sarà gradualmente abbassata per un periodo di dieci anni.
  • Le indicazioni geografiche saranno protette. Attualmente molti prodotti come Aceto Balsamico di Modena, Prosecco e altri non godono di una protezione formale in Giappone. Dopo l'entrata in vigore, circa 250 indicazioni geografiche avranno piena protezione giuridica nel Paese.

Come affronterà l'EPA la questione delle barriere non tariffarie / regolamentari all'entrata sul mercato in Giappone?

Alcune questioni (armonizzazione di dispositivi medici, labelling di tessuti, ecc.) sono già state affrontati e risolte prima della conclusione dei negoziati. Dall'entrata in vigore l'aspettativa è che siano alleviati significativamente i seguenti problemi:

  • Armonizzazione e condivisione di standard tecnici. Attualmente, gli standard tecnici giapponesi sono spesso molto diversi da quelli internazionali e talvolta manca la trasparenza.
  • Trasparenza nelle misure sanitarie e fitosanitarie. Sebbene l'EPA non garantisca un rilascio di regole per l'importazione di prodotti agricoli, ci si aspetta una maggiore trasparenza e comunicazione di ciò che si prevede alle società per rispettare i regolamenti del Giappone, che sembrano spesso apparire a discrezione dei costumi locali .
  • Servizi. L'EPA apre la porta ad un'armonizzazione più stretta in settori diversi (telecomunicazioni, finanze, post, movimento del personale) che implica una livellamento della qualità dei servizi offerti nei due settori.
    Si tratta di una potenziale rivoluzione e potrebbe influire in modo significativo non solo sul futuro del rapporto commerciale, ma sul livello base dei servizi finanziari e di telecomunicazione offerti da ciascuna area.

Per chi vuole avere una comprensione più approfondita dei termini dell'accordo, si consiglia di fare riferimento a due documenti ufficiali dell'UE:
Elementi chiave dell'accordo di partenariato economico UE-Giappone
Nota - EU-Japan EPA - L'accordo in principio

Vuoi discutere di più sulle opportunità per la tua attività? Scrivici: analyst@iccj.or.jp

I nostri brand

Joop banner​​

ICCJ Gala Dinner and Concert
Iscriviti alla nostra mailing list
* Campo obbligatorio
Iscriviti alla nostra mailing list
* Campo obbligatorio