small-logo320
small-logo550
Create
Connect
Promote

Login per i soci

Marchio di Ospitalità Italiana

Scoprire l’eccellenza del vino grazie a "Italy, land of wine"

 

Eccellenza, ecosostenibilità e rispetto delle tradizioni sono tre caratteristiche che accomunano Slow Wine e il Consorzio I Vini del Piemonte. Da questi presupposti nasce "Italy, land of wine: the excellences of Slow Wine and i Vini del Piemonte", giornata di degustazione e seminari per conoscere il meglio del vino italiano e la sua storia: le cantine, i metodi di coltivazione, i vitigni.

L’evento si è svolto il 24 Novembre nell’elegante cornice di Happoen a Tokyo ed è stato organizzato dalla Camera di Commercio Italiana assieme a Ideazione srl e in collaborazione con l’ufficio ICE di Tokyo.  A conclusione della giornata Isao Miyajima, giornalista e indiscusso esperto di vino in Giappone, ha condotto due seminari: sui vini italiani e sui vini piemontesi.

300 visitatori tra giornalisti, sommelier, importatori giapponesi e ristoratori hanno avuto la possibilità di incontrare 27 aziende vinicole italiane selezionate tra i vincitori del premio Slow Wine 2015 e le cantine affiliate al consorzio I Vini del Piemonte.

“Quello che rende l’Italia unica nel mondo è il fatto di contare circa 400 vitigni autoctoni, di cui almeno 100 hanno un’importanza strategica nel commercio estero. Solo il Piemonte vanta 42 vitigni DOC e 16 DOCG. Per comprendere questi numeri occorre un paragone con gli  altri Paesi, che vantano al massimo una decina di vitigni” ci ricorda Daniele Manzone, direttore del Consorzio. “Questa varietà è un importante punto di forza dell’Italia e raccogliamo la sfida di promuovere e far comprendere questa diversità nel mercato estero”. 

Questo evento è una novità per il Giappone, che per la prima volta ospita Slow Wine ed il Consorzio piemontese. L’interesse a crearne un appuntamento annuale è molto sentito da entrambi i promotori: “c’è sintonia tra la cultura di Italia e Giappone, e questo ci spinge a credere che, sfruttando la diversità dei vitigni, sia possibile trovare anche sintonia tra i vini italiani e la cucina giapponese” afferma Daniele Manzone.

L’eccellenza dei vini selezionati è garantita dal Consorzio piemontese e dalla guida Slow Wine. Giancarlo Gariglio, curatore della guida, ci ricorda che “la filosofia di Slow Food è valida anche per il vino, che deve essere non solo buono, ovvero sano e di qualità ma anche pulito perché non danneggia l’ambiente e giusto perché accessibile ad un prezzo equo per produttore e consumatore”. Dal 2015 la guida è anche il testo ufficiale dei membri della Federazione Italiana Sommelier e Ristoratori.

 

Vedi anche:
La photogallery

Il sito Slow Wine Magazine

Il sito Slow Food

Il sito del Consorzio I vini del Piemonte

ICCJ Brands

True Italian Taste

Joop banner​​

ICCJ Gala Dinner and Concert

Iscriviti alla nostra mailing list
* Campo obbligatorio
Iscriviti alla nostra mailing list
* Campo obbligatorio